Polimeni Viviana – Presidente Socio Fondatore

Vitarelli Giacomo – Vice Presidente Socio Fondatore

De Santis Francesca – Consigliere Socio Fondatore

Scarica il volantino

L’Associazione “Portami per Mano” nasce dall’esigenza delle famiglie con figli portatori di disabilità, sia fisiche che psicologiche, di non sentirsi esclusi dal contesto del quartiere dove abitano e di portare i loro figli ad essere accettati e inclusi nella vita quotidiana.
A tale scopo, L’Associazione intende organizzare per tutti i bambini dai 3 ai 16 anni con disabilità e non iniziative culturali, sportive e di svago.
L’attività culturale si svolgerà attraverso visite ai musei , laboratori creativi e manipolazioni con l’utilizzo di materiali di riciclo, laboratori espressivi anche a partire dalla lettura di favole e racconti classici e moderni, tenuti da persone esperte a scopo gratuito.
Tenendo presente che i nostri bambini vivono in città dove è difficile venire a contatto con la natura sarà molto importante favorire delle uscite presso fattorie didattiche, orti botanici, bio parchi e strutture con ippoterapia, affinché tutti i bambini disabili e non, conoscano e imparino ad amare e rispettare la natura che li circonda.
L’obiettivo fondamentale dell’Associazione è l’inclusione dei bambini con disabilità e delle loro famiglie nella società che li circonda. Pensiamo che attraverso il gioco, la condivisione, il confronto si possa creare quell’intesa, quella condivisione e rispetto reciproco, che permetterà ai nostri figli di vivere in una società migliore a partire dal nostro quartiere.
A questo proposito, l’intento dell’Associazione è anche quella di proporre momenti di informazione, confronto e scambio sui temi dell’inclusione e della diversità, con particolare riferimento alle fragilità e alla disabilità di tipo psicologico. Pensiamo infatti che l’inclusione possa nascere in un tessuto dove le persone sono in grado di comprendere e riconoscere le vulnerabilità, proprie e degli altri, e farle diventare un punto di incontro e di scambio solidale anziché di presa di distanza e di indifferenza di comodo.